VIAGGIO SPIRITUALE di Tommaso Nuovo

POESIE

LE QUATTRO STAGIONI

Estate

L'ANTICICLONE

 

 

 

 

 

 

 

L'han chiamato " Lucifero",

l'anticiclone infernale.

Grande caldo, sole,

che non hanno niente a che fare

con quello infernale.

 

Mi fa meditare

questo accostamento.

Ma c'è forse qualcuno

che crede nel suo tormento?

 

Nessuno ne parla,

nessuno dice il suo nome.

Solo un anticiclone

è un ombra della sua azione.

 

Lucifero porta si il caldo,

quello della sua fornace,

dove chi vi cade dentro,

non avrà mai pace.

 

Meglio allora pensare

all'anticiclone.

Dell'inferno cancelliamo

anche il nome.

 

Tommaso Nuovo 11 agosto 2017

 

 

Primavera

ALLA PISCINA DI BETZATA'

 

 

 

Cinque portici,

contengono il dolore di tutto il mondo.

 

C'è posto anche per me,

che mi credo sano.

 

Giaccio con la mia barella,

triste compagna di vita.

 

Vedo l'agitarsi dell'acqua,

nessuno mi guida.

 

Guardo i mie compagni,

non ho speranza.

 

Sento una voce alle spalle:

"Vuoi guarire"?

 

Non c'è domanda più vera.

Ma la mia risposta non sempre è sincera.

 

Chi me lo dice lo può fare.

Uno solo mi può aiutare.

 

Levo lo sguardo

e mi apro al mistero.

 

Sulla mia paralisi

è tolto il velo.

 

Solo il Cristo

mi può salvare.

 

Lui solo ama,

lontano è il male.

 

Alzati, mi dice,

prendi la tua barella, cammina.

 

Abbandona le illusioni

di questa piscina.

 

Viene dietro di me,

ti porto al mare.

 

Non più da solo

lo dovrai attraversare.

 

Io sono con te,

ora, guarda lontano.

 

Tanti tuoi fratelli

si prendono per mano.

 

Tu sei stato il primo

a guarire.

 

Sei per gli altri,

il loro avvenire.

 

E' l'alba,

il giorno sta per venire.

 

Ti ho dato la Vita,

la morte sta per finire.

 

28 marzo 2017

                                  Tommaso Nuovo

 

PRIMAVERA 2017

 

Vedo,

di giorno in giorno

il ritorno della vita.

 

Alberi gemmati,

foglie appena nate,

stormi alati in  volo.

 

Il freddo non è più,

mentre il cielo

piange gocce sull'arida terra.

 

Il sole fa sentire 

con forza

la sua presenza.

 

                                                     Io 

                                                     giro attorno 

                                                     lo sguardo

 

                                                     e metto dentro di me

                                                     quella primavera

                                                     che manca alla mia anima.

 

         

                                                                          22 marzo 2017  

 

                                                                    Tommaso Nuovo

 

LA NUOVA STAGIONE

 

 

 

 

EREMO

 

 

 

 

Solitario sto

 

per volontà mia,

 

e per opera di chi mi consacrò

 

 

Ho ricevuto una casa

 

l’ho abbellita

 

come l’orto di verzura.

 

 

Qui trovo la pace

 

e il mio combattimento

 

appena si giace.

 

 

Ma per me

 

voglio che sia un eremo,

 

un eremo di pace.

 

 

Offro la mia casa al Signore,

 

gli offro il mio cuore.

 

 

Lui starà solo con me

 

e io con Lui.

 

 

Così vedranno che Dio c’è,

 

anche se non vado a mangiare

 

e a bere il caffè.

 

 

Vedranno che Dio

 

vuol stare con ognuno di noi,

 

semplici uomini, poeti o eroi.

 

 

Oggi è più che mai necessario l’eremo,

 

per fuggir dal peccato,

 

e non far dell’uomo un mercato.

 

 

Se non ce l’hai

 

costruiscilo e vedrai,

 

come starà bene

 

con te Adonai.

 

 

Se non fuggi nel deserto,

 

presto sarai fritto

 

o fatto lesso.

 

 

Ho bisogno di un eremo e l’ho trovato.

 

 

                                              1 Settembre 2012 Tommaso Nuovo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

ALI CHIUSE

 

 

 

 

 

 

 

Sognavo di volare

 

insieme verso il sole.

 

 

Ora mi trovo

 

con le ali chiuse,

 

 

e cammino

 

con il passo pesante

 

su questa dura terra.

 

 

                              1 settembre 2012 Tommaso Nuovo

 

 

 

 

VOGLIO CHIAMARTI

 

 

 

 

 

Voglio chiamarti,

 

ma è troppo doloroso

 

il peso

 

di un rifiuto.

 

 

                             1 settembre 2012 Tommaso Nuovo

 

 

 

 

 

TU SPLENDI COME SOLE

NELLA CHIESA DI DIO: dedicato

a San Francesco d'Assisi.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ho chiamato fratello il sole.

Ho chiamato sorella la luna.

Ma tra tutti gli uomini

ho avvertito la più grande fortuna,

amare te Signore,

sopra ogni creatura

 

Tutto in te esiste,

ogni cosa è, sarà

e sussiste.

 

Hai reso me, Francesco,

tuo cantore,

per esaltare la gioia, l'amore

in ogni fiore.

 

Per questo splendo

come il sole.

Perché Tu mi hai amato

e sono il canto di tutte le creature

che Tu hai creato.

 

Ma tra tutte le più bella

è la Chiesa e Maria

tua ancella.

 

In esse ti rispecchi

e mandi il tuo amore.

Tu sei il mio sole,

io il tuo cantore.

 

Lo si può dire di Francesco,

di Chiara e di qualunque uomo

che abbia a cuore il regno di Dio

e chi vi è assiso in trono.

 

                                      13 ottobre 2012  Tommaso Nuovo

 

 

 

 

 

 

ATTENDO E SPERO

 

 

 

 

 

 

 

 

Attendo e spero

che mi venga a salvare.

 

 

Non trovo un posto

in cui riposare.

 

 

Mi giro e rigiro

nel letto della mia vita.

 

 

Sulla schiena ho una piaga,

una piaga infinita.

 

 

                                          13 ottobre  2012 Tommaso Nuovo

 

 

La Vita oltre la vita
La Vita oltre la vita

 

 

 

CARLA E PIERINO *

 

 

 

 

 

 

 

Vi ho accolto e seguiti

 

con tanta speranza,

 

 

eravate due aghi

 

sul letto della bilancia.

 

 

Non cercavate nient’altro

 

che la vita.

 

 

Ora il Signore vi ha dato

 

una gioia infinita.

 

 

Non più dolore, non più tormenti,

 

non più negli occhi smarrimenti.

 

 

Correte sereni,

 

Dio vi ha dato la vita,

 

una gioia che non passa,

 

una storia infinita..

 

                                           11 ottobre 2012 Tommaso Nuovo

 

* Carla e Pierino sono due ospiti dell’Hospice di Pontevico che ho assistito fino alla morte avvenuta il 9-10 ottobre 2012.

 

 

 

 

 

 

MURO CHE CROLLA

 

 

 

 

 

 

 

 Certe volte è un eremo,

 

certe volte è un carcere.

 

Ho dentro di me

 

un muro da abbattere.

 

 

Fuori risplende

 

un sole infinito.

 

Sono al di là del muro,

 

mi sento sfinito.

 

 

Apro una breccia

 

con le mani.

 

Ci riuscirò?

 

Si! Forse domani.

 

 

Il muro non crolla

 

è ancora in piedi,

 

e su di esso si siedono

 

i miei pensieri.

 

 

                                             13 ottobre 2012 Tommaso Nuovo

 

 

 

 

 

 

 

 

UNA LACRIMA SUL VETRO

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Tu di là, io di qua dal vetro.

C’è una lacrima, la vedo. La vedi?

 

Il mio essere è a te trasparenza.

Anche a me, però non lo posso toccare,

sta al di là.

 

Il mio soffrire è nascosto in una lacrima,

sul vetro.

 

Ora sono io al di là e Tu sei al di qua.

Tu sei passato sulla mia trasparenza

e hai prosciugato la fonte del mio soffrire,

una lacrima sul vetro.

 

 

                                  31 ottobre 2012 Tommaso Nuovo

 

 

 

 

 

 

 

GRIGIO AUTUNNO

 

 

 

 

 

 

 

 

Di tanti colori

che la natura mi offre,

grigio autunno

è un colore assai forte.

 

Dal cielo alla terra,

tutto trasforma,

spegne i colori,

li deforma.

 

Il rosso è scuro,

il verde opaco,

il rosa è spento,

il cielo celato.

 

Ti mette il freddo,

dentro e fuori,

cerchi il calore

e più non lo trovi.

 

Eppure, rifletti,

ti fa meditare.

L’autunno è arrivato,

è tempo di andare.

 

Non sono forse così

le stagioni dell’uomo,

in un baleno sono passate,

non rimane nessun suono.

 

Solo il suono silenzioso

di un colore assai forte,

grigio autunno

e penso alla morte.

 

Ma è solo un colore,

di un altro ho nostalgia,

l’azzurro di un cielo,

che è nell’anima mia.

 

 

                                   31 ottobre 2012 Tommaso Nuovo

 

 

 

HOSPICE

 

 

 

 

 

Hospice

 

I malati sono sani.

 

I sani sono malati.

 

Questo è l’’hospice di Dio.

 

 

I sani, malati di mondo,

 

vivono in esso,

 

notte e giorno.

 

 

I malati, purificati dal mondo,

 

scesi da esso

 

guardano quanto è immondo.

 

 

Dio agisce,

 

non lo si deve cacciare,

 

solo Lui,

 

malati e sani può salvare.

 

 

                                        17 novembre 2012, Tommaso Nuovo

 

 

 

 

 

LUCIANO

 

 

 

 

 

 

 

 

Luciano,

 

immobile da novembre,

 

  ti  ho teso la mano.

 

 

Se tu il più forte,

 

combatti sempre

 

con la morte.

 

 

Paralizzato dalla vita in giù,

 

ma il cuore batte sempre,

 

per Colui che è lassù.

 

 

Non ti arrendere,

 

non disertare.

 

Gesù è la Parola

 

che ti può salvare..

 

 

Ascolta il medico terrestre,

 

e poi rivolgiti a quello celeste.

 

 

Guarire si può,

 

se Lui vorrà,

 

se tu lo vorrai..

 

 

Ascoltalo mentre ti dirà

 

“Alzati e cammina,

 

non sei più come prima.”.

 

 

“La tua fede ti ha salvato,

 

ritorna a vivere

 

beato.

 

 

17 novembre 2012 Tommaso Nuovo

 

ANDREA

 

Andrea,

due occhi

desolati,

cercano l’appiglio,

disperati.

 

Il corpo non ti

regge più,

è grosso il peso

da portar

lassù.

 

Il letto ti

tiene compagnia,

non ti lascia

mai solo,

riposa anche

l’anima,

quando in coma

vai via.

 

Tu vuoi ancora

lottare,

dici:non è ancora

arrivato il tempo di andare.

 

 

Ti appoggi a tua madre,

alla Chiesa,

a Maria.

 

Così ti sembra di volare,

anche se il tuo peso

ti fa star male.

 

Alza lo sguardo,

guarda lassù,

il Crocifisso

non ti lascerà

cader giù.

 

Verrà il giorno che

ti solleverai e tu

potrai andare,

quando ti sentirai dire

“ Ritorna a vivere,

Andrea e  a sperare.

 

 

                                                                            

                                        17 novembre 2012 Tommaso Nuovo

 

IL GABBIANO SUL CAMINO DELLA CAPPELLA SISTINA
IL GABBIANO SUL CAMINO DELLA CAPPELLA SISTINA

UN GABBIANO SUL CAMINO:

 

 

l'ho visto io  e il mondo intero,

c'è un gabbiano sul camino,

dopo il fumo nero.

 

Da dove è arrivato e che ci fa lì,

in quel luogo così sacro?.

 

Si! Da quel camino esce un fumo speciale,

nero o bianco, al cielo sale.

 

Il gabbiano è sempre li,

vola e poi ritorna ad aspettare.

 

Vuole essere il primo

a vedere l'investitura regale.

 

Il gabbiano lo conosco,

viene al di là del mare,

ha attraversato l'Oceano

Atlantico  australe.

 

Pian piano si è levato

per arrivare lassù,

dove splende il sole e Cristo Gesù.

 

E' arrivato a Roma,

ma non voleva

in una grande casa abitare

 

Allora ha scelto il camino Sistino,

lì vuole stare.

 

Vola solitario,

ma dove sono i suoi compagni.?

Sono scesi più in basso,

in altri piani.

 

Aspettano tutti,

hanno un penna in mano,

sembrano scrivere,

ciò è molto strano.

 

Invece l'altro gabbiano

sta sempre sul camino,

aspetta, aspetta,

che si compia il suo destino.

 

Poi ad un certo punto

tutti si sono alzati,

dopo aver scritto un nome,

che entrerà nei Beati.

 

Il nome è di quel gabbiano,

che sta ancora sul camino, lassù,

è un nome bello: Francesco e io aggiungo

di Gesù.

 

Ora il Conclave è terminato,

un fumo bianco dal camino

si è alzato.

 

Il gabbiano Francesco ha visto

e si è levato.

Vola sulla Piazza

di san Pietro,

piena di luci, come il cielo stellato.

 

                            Dedicato a Papa Francesco

 

                                                     14 marzo 2013 Tommaso Nuovo.

CORPO DI CRISTO, CORPO DI ADONAI

 

Il Corpo di Cristo che sta sull'altare non ho bisogno di mantelli ma di anime pure. B Mentre quello che sta fuori ha bisogno di molta cura ”

San Giovanni Crisostomo Dalle «Omelie sul Vangelo di Matteo» di san Giovanni Crisostomo, vescovo

(Om. 50, 3-4; PG 58, 508-509)

 

 

Cristo ha un Corpo,

forse non lo sai?

Il mio, il tuo

sono il Corpo di Adonai.

 

Come lo conservi

così lo avrai.

Sarai il Corpo di Cristo,

il Corpo di Adonai

 

Quel Corpo nasce a Betlemme,

vive sulle strade,

muore sulla croce,

risorge sull'altare-

 

Certo , cura di Lui tu hai,

tovaglie bianche,

calici d'oro,

per il Corpo di Cristo,

di Adonai.

 

Ma Cristo non vuole

tutto questo,

è già suo

tutto l'oro dell'universo.

 

E' Lui infatti che vuole arricchire,

chi è povero, assetato e nudo,

chi sta per perire.

 

Per questo il Padre un Corpo gli ha consegnato

quello del povero,

del misero,

del disperato.

 

Se tu vuoi adorare

davvero il Re,

sfama il Corpo di Cristo,

il povero che è vicino a te.

 

Forse ora non lo riconoscerai,

ma è proprio Lui, Cristo Adonai.

 

E quando un giorno tu lo incontrerai

lui ti dirà: vieni alla mia tavola,

perchè hai sfamato il mio Corpo,

il Corpo di Cristo, Adonai.

 

Tommaso Nuovo 31 Agosto 2013